I Fillers: come contrastare i segni del tempo

Tra le varie metodiche a nostra disposizione i “dermal fillersrappresentano una tecnica veloce e sicura mediante la quale è possibile eliminare le rughe più “fastidiose” in una sola seduta.                                                                      Questa tecnica di ringiovanimento è finalizzata a soddisfare le necessità di tutti coloro, uomini e donne, che desiderano contrastare i segni del tempo.

Tra le sostanze più utilizzate l’ acido jaluronico è quella più diffusa e sicura e permette di trattare:

  • rughe sia superficiali che profonde
  • rimodellare e dare volume alle labbra
  • riempire e sollevare gli zigomi e mento
  • correggere un naso irregolare
  • eliminare le cicatrici post-chirurgiche o post-acneiche
  • attenuare le sottili rughe palpebrali

Come si formano le rughe?

I meccanismi di formazione sono vari, il più noto è favorito dalla mimica facciale mediante la quale, intorno ai trenta anni, la maggior parte di esse è già presente. L’esposizione al sole eccessiva e costante danneggia il derma (lo strato che ha funzione di sostegno e dona turgore alla cute) favorendo un approfondimento delle rughe d’espressione.

Per approfondire clicca qui


E’ un prodotto sicuro l’Acido Jaluronico?

acido jaluronico

Prima e dopo il filler con acido ialuronico

L’acido jaluronico è la sostanza fondamentale del tessuto connettivo di tutti i mammiferi.

Per le sue caratteristiche chimiche lega molte molecole di acqua rifornendo un certo grado d’idratazione, svolge un ruolo di sostegno ed inoltre conferisce turgore, resistenza ed elasticità ai tessuti.

E’ dunque una sostanza sicura poiché totalmente biocompatibile con i nostri tessuti.

L’iniezione è dolorosa?

Generalmente non è necessaria l’anestesia ma può essere utilizzata una crema anestetica.

Tuttavia per coloro che hanno una sensibilità dolorifica accentuata è possibile applicare una crema anestetica soprattutto in zone particolarmente sensibili come le labbra. La tecnica prevede l’introduzione del filler, mediante un ago sottile, al di sotto della ruga con scomparsa immediata della depressione

Cosa accade dopo l’impianto e dopo quanto tempo è possibile riprendere la propria attività?

Al termine della seduta, le aree trattate appaiono un po’ più rosse e più edematose (gonfie) per circa 12 – 24 ore. A volte può insorgere qualche piccolo ematoma (livido) riassorbibile in pochi giorni.

L’applicazione del ghiaccio prima e dopo l’impianto ha un effetto vasocostrittore e riduce la possibilità che insorgano rossore, edemi e piccoli ematomi.

Tuttavia l’uso di cosmetici coprenti (correttori del colore) può aiutare a risolvere il problema. E’ possibile riprendere fin da subito le proprie attività

Quali sono i risultati?

Dopo l’impianto di acido jaluronico i risultati sono ottimi poiché è possibile eliminare le rughe da subito, naturalmente se il grado di fotodanneggiamento è elevato è necessario affiancare, all’uso dei fillers, altre tecniche di ringiovanimento.

La correzione degli inestetismi cutanei deve essere guidata da principi di estetica che rispettino le proporzioni del volto in una logica equilibrata, lontana dall’ illusione di somigliare a miti effimeri.

Questi sono i principi che guidano il lavoro del Dermatologo Plastico, se utilizzati nelle giuste quantità e in aree selezionate, i fillers permettono di ottenere un effetto soft-lifting che dona un volto più giovane, armonioso e naturale.

Filler con Acido Ialuronico: prima e dopo

Filler con Acido Ialuronico: prima e dopo

acido ialuronico: prima e dopo

Filler con Acido Ialuronico: prima e dopo

Il filler ci aiuta a modificare i difetti, le rughe e a ripristinare quel turgore cutaneo che il tempo ha cancellato … senza generare mostri !

Quanto dura nel tempo?

L’Acido Jaluronico è una sostanza naturale che fa parte del nostro corpo ed una volta iniettato viene gradualmente riassorbito dal nostro organismo. La durata di questo processo varia da individuo a individuo ed è in funzione del nostro metabolismo. Per alcuni l’impianto può persistere fino ad otto mesi, sebbene in misura ridotta, mentre per altri è necessario effettuare dei ritocchi già dopo quattro o cinque mesi.